Con insonnia si intende una condizione che comporta il peggioramento della qualità del sonno e una difficoltà ad addormentarsi accompagnata da risvegli continui. Il risultato finale è che chi soffre di insonnia si sente stanco durante tutta la giornata e sperimenta fatica, scarsa concentrazione, irritabilità e problemi di memoria. Si tratta tuttavia di un disturbo che non viene sempre diagnosticato e trattato, ma al quale gli specialisti di Fisicamente Medica consigliano di prestare attenzione specie se connesso ad ansia.

Insonnia e problemi quotidiani

La presenza di insonnia si associa frequentemente non solo a disturbi cardiaci, ma anche a malattie psichiatriche come disturbi di ansia e dell’umore. Proprio l’insonnia indica che qualcosa non va a livello mentale, quando non è causata da comportamenti scorretti come abuso di caffeina o uso di smartphone e PC o, ancora, dalle eccessive preoccupazioni.

Non è tutto: dormire poco e male genera una serie di problemi che si manifestano durante il giorno come senso di fatica e sonnolenza diurna. A questi si accompagnano deficit di attenzione, concentrazione e memoria, ma anche tensione emotiva e sintomi ansiosi e depressivi.

Quali sono le cause dell’insonnia

L’insonnia è causata da un insieme di fattori genetici, comportamentali, emotivi e cognitivi. Vediamo quali sono.

1. Fattori genetici: il 30% delle persone che soffre di insonnia ha un famigliare che ne soffre;

2. Fattori comportamentali: l’insonnia deriva dal trascorrere molto tempo a letto o dall’avere ritmi sonno veglia irregolari, ma anche dall’uso di PC e smartphone prima di addormentarsi;

3. Fattori emotivi: ansia e preoccupazioni generano insonnia così come lo stress acuto e non a caso l’insonnia è sintomo di disturbi psichiatrici gravi come la depressione maggiore;

4. Fattori cognitivi: la tendenza a rimurginare e indugiare sulle preoccupazioni genera insonnia e difficoltà ad addormentarsi portando a nuovi timori e a un circolo vizioso difficile da rompere.

La relazione tra ansia e insonnia

Sia l’ansia è causa di insonnia, sia l’insonnia è causa di ansia anche se i risultati delle ricerche dimostrano come i disturbi del sonno causano disturbi d’ansia. Il motivo è semplice: la mancanza di sonno stimola la parte del cervello associata alla depressione e ai disturbi psichiatrici e in tutte le malattie mentali sono presenti difficoltà e problemi legati al sonno.

Chi soffre di ansia, preoccupazione e pensieri ossessivi entra in un circolo vizioso di cui fa parte anche l’insonnia, che in certi casi è aggravata dai farmaci antidepressivi. Uno studio ha dimostrato come le persone con insonnia cronica rischiano di sviluppare disturbi di ansia e come l’insonnia sia maggiormente presente in chi prova per lo più emozioni negative.

Tuttavia, qualsiasi sia la causa dell’insonnia si tratta di un problema che può essere individuato e curato andando a intervenire in modo mirato sugli elementi che la causano. Se, poi, l’insonnia è causata da stress, ansia e depressione il consiglio di Fisicamente Medica è quello di rivolgersi a uno psichiatra o psicologo per trattare il problema alla radice. Dormire bene è importante per stare bene e avere una vita attiva e per questo se soffri di insonnia, risvegli notturni o difficoltà ad addormentarti ti invitiamo a contattarci per una visita. Ritroverai il piacere di addormentarti serenamente!